Home | Chi Siamo | http://www.umbriameteo.com/index.php/stock-splits-and-stock-dividends/ | analysis of human services of an abuse scenario | http://www.umbriameteo.com/index.php/paragraph-vs-an-essay/
  http://www.umbriameteo.com/index.php/why-we-live-in-matrix/ | dissertation 10987 ghost writer bachelor thesis | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Caldo afoso: temperature ed umidità in aumento.

(del 23/06/2005)

Il caldo inizia a farsi sentire anche in Umbria, nel pomeriggio di ieri si sono raggiunti e superati i 33° a Terni, Perugia, Città di Castello ed altri centri urbani umbri. Per ora, comunque, seppur caldo, l’umidità resta bassa e la sensazione di afa è abbastanza ridotta. Nei prossimi giorni l’alta pressione afro-mediterranea, che sta interessando tutta il bacino centro-occidentale del Mediterraneo, si sposterà lentamente verso est e quindi, l’Italia, verrà sempre più interessata dalle correnti meridionali africane con ulteriore aumento delle temperature, dell’umidità e dell’afa. Il caldo raggiungerà l’apice durante la prossima settimana, anche se già tra venerdì e domenica 26 giugno toccheremo ed in alcuni casi supereremo i 34°/35°. Intanto, nelle prossime 36 ore, la presenza di vivaci moti termoconvettivi, dovuti principalmente al notevole riscaldamento del suolo, potranno provocare il sollevamento di masse d’aria calda ed umida che, incontrando in quota strati atmosferici più freschi, tenderanno a condensare in nubi cumuliformi, producendo isolati rovesci o brevi temporali. Questa debole instabilità cumuliforme, pomeridiana e serale, interesserà oggi soprattutto la fascia appenninica, favorita anche dalla presenza di rilievi montuosi. Domani invece saranno i settori meridionali dell’Umbria a rischiare qualche isolato fenomeno d’instabilità. Segnaliamo infine, oltre all’afa che potrà creare problemi soprattutto alle persone più deboli, anche l’aumento delle concentrazioni di inquinanti, in particolare l’ozono, negli strati prossimi al suolo delle aree maggiormente urbanizzate (in molte città del nord Italia sono già stati raggiunti valori d’allerta). La grafica dell’immagine satellitare qui a fianco, riferita alle ore 11:00, mostra l’alta pressione che interessa l’Italia e le correnti di aria calda ed umida in risalita dal Nord Africa.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
12/02/2020
 
NEWS
 
SERIE DI PERTURBAZIONI SULL’ITALIA, MARZO INIZIA CON PIOGGE ANCHE IN BUONE QUANTITA'
27/02 [ore 9.99 ]
FASE PIU' FREDDA ED INSTABILE IN ARRIVO. PROBABILI NEVICATE A BASSA QUOTA IN APPENNINO.
24/02 [ore 9.99 ]
SOLE DI PRIMAVERA FINO A LUNEDI’ 24 FEBBRAIO, PRIMA CON GELATE POI CON NEBBIA. DA MARTEDì 25 QUALCHE NOVITA’
20/02 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011