Home | Chi Siamo | case manager roles | http://www.umbriameteo.com/index.php/is-climate-change-threat/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/shortage-of-drivers-in-the-trucking-industry/
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Settimana con sole e gelate mattutine, possibile peggioramento per la Befana

(del 30/12/2019)

Con l’attivazione delle correnti nord orientali è tornato un po’ di freddo invernale sull’Italia ed anche sull’Umbria, nulla di eccezionale, per ora si è andati sottozero solo nelle fasi d’interruzione della tramontana e nelle conche più riparate, si è inoltre visto qualche fiocco a ridosso dell’Appennino, soprattutto sull’eugubino gualdese, sui Sibillini ma anche in Altotevere. Ciò è stato possibile grazie all’azione congiunta tra un promontorio anticiclonico stazionante sopra l’Europa centro occidentale ed un’ampia circolazione depressionaria a carattere freddo centrata sulla Russia. Nell’ultimo fine settimana l’anticiclone è andato espandendosi verso nord, mentre il sistema depressionario sull’Europa orientale ha “pescato” aria fredda artica direttamente dalla Lapponia. Sul bacino centrale del mar Mediterraneo si è quindi affermato un flusso di correnti nord orientali che hanno poi pilotato aria fredda, proveniente dall’Ucraina, fin sull’Italia.
Nelle prossime ore comunque l’asse dell’anticiclone ruoterà in senso orario “coricandosi” verso il bacino centrale del mar Mediterraneo ed obbligando la circolazione depressionaria a carattere freddo presente sull’est Europa a spostare il proprio centro d’azione sul mar Mediterraneo orientale. Questo movimento interromperà il flusso di aria artica verso l’Europa orientale e contemporaneamente favorirà una progressiva attenuazione delle correnti fredde nord orientali sull’Italia, avremo quindi una residua nuvolosità con isolate, brevi precipitazioni solo su Basilicata, Calabria e Sicilia. Domani martedì 31 dicembre pressione atmosferica in ulteriore aumento sull’Italia con deboli correnti settentrionali e cessazione delle precipitazioni anche al sud. Tra Capodanno e giovedì 2 gennaio ancora circolazione anticiclonica sul bacino centrale del mar Mediterraneo con cielo sereno o poco nuvoloso per il temporaneo transito di qualche velatura, gelate al mattino nelle valli. Temperature in calo, specie nei valori minimi dal 31 dicembre. Venti moderati o forti nord orientali, specie al centro sud, in attenuazione..
Sull’Umbria cielo sereno o poco nuvoloso da oggi lunedì 30 dicembre fino almeno a giovedì 2 gennaio, al massimo qualche velatura in transito durante le primissime ore dell’anno, i venti di tramontana si attenueranno e ciò se da un lato di giorno farà un po’ più caldo, di notte farà più freddo con temperature in calo e gelate estese.
Da venerdì 3 gennaio poi, la situazione si complica un po’, in poche parole osserveremo un piccolo nucleo di aria fredda nord atlantica che scenderà dall’Inghilterra fin sulla Francia, poi da li, come spesso accade con impulsi di aria fredda così piccoli, è attualmente difficile stabilire con certezza quale traiettoria possa prendere, più occidentale transitando a nord delle Alpi o più meridionale fino a portarsi sulla Sardegna. La traiettoria di questo piccolo impulso freddo sarà però determinante per stabilire poi la traiettoria di una seconda e molto più intensa perturbazione artica nord atlantica che sabato 4 potrebbe raggiungere l’Italia dando luogo alla formazione di un profondo centro depressionario sopra il medio alto mar Tirreno capace di attirare a se un più corposo nucleo di aria fredda artica dando inizio ad una fase fredda più consistente di quella attuale sia in termini di basse temperature che soprattutto di precipitazioni che potranno risultare nevose fino a bassa quota su molte aree del centro nord. Attendiamo quindi ancora qualche aggiornamento dei modelli per capire se una tale evoluzione atmosferica verrà confermata od avremo qualcosa di molto più blando.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per le primissime ore di domenica 5 gennaio 2020.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
12/02/2020
 
NEWS
 
SERIE DI PERTURBAZIONI SULL’ITALIA, MARZO INIZIA CON PIOGGE ANCHE IN BUONE QUANTITA'
27/02 [ore 9.99 ]
FASE PIU' FREDDA ED INSTABILE IN ARRIVO. PROBABILI NEVICATE A BASSA QUOTA IN APPENNINO.
24/02 [ore 9.99 ]
SOLE DI PRIMAVERA FINO A LUNEDI’ 24 FEBBRAIO, PRIMA CON GELATE POI CON NEBBIA. DA MARTEDì 25 QUALCHE NOVITA’
20/02 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011