Home | Chi Siamo | the role of punishment in penal policy | spanish - need to update my rough draft | http://www.umbriameteo.com/index.php/case-study-audio-visual/
  http://www.umbriameteo.com/index.php/window-server-12/ | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Oggi la giornata meno calda della settimana. Nuova impennata del caldo tra venerdi’ 14 e sabato 15 giugno.

(del 12/06/2019)

L’ampia circolazione depressionaria nord atlantica che, stazionante sopra l’Europa occidentale, condiziona l’evoluzione atmosferica sull’intero nostro continente, si sta temporaneamente spostando più ad oriente interessando con una debole o localmente moderata instabilità atmosferica anche le regioni alpine dove soprattutto nelle ultime 36/48 abbiamo osservato alcuni temporali anche di forte intensità. A sud del fiume Po poco o nulla, ancora caldo, anche se nelle ultime ore, soprattutto su Emilia Romagna, Toscana, Marche ed Umbria, meno intenso rispetto a domenica 9 e lunedì 10 giugno. Su queste aree infatti le calde ed umide correnti meridionali sono state sostituite da più miti, ed a breve anche più asciutte, correnti occidentali, gli effetti di tutto ciò si percepiranno ancor più chiaramente nel pomeriggio odierno e domattina giovedì 14 giugno. Sull’Umbria primo calo termico, di circa 2°C nei valori massimi, durante la giornata di ieri martedì 11 giugno, tant’è che, ad esempio, a Terni centro di è passati da circa 36°C di lunedì 10 a circa 33°C di martedì 11 giugno, a Perugia S.Egidio da 34°C a 32°C, a Foligno da 34,5°C a 33°C ed a Città di Castello da 32,5°C a 30, 5°C, tanto per restare ai quattro principali centri urbani della nostra regione. Oggi probabilmente caleremo ancora un pochino, circa 1°C in meno rispetto a ieri, calo praticamente ancora inesistente per le temperature minime (nell’ordine di decimi di grado) che comunque raggiungeranno i valori più bassi domattina giovedì 13 giugno.
Nella stessa giornata di domani giovedì 13 giugno comunque, è attesa la discesa di un nuovo impulso di aria fredda artica dal mar di Norvegia fin sull’Inghilterra, ciò farà prima retrocedere verso ovest il sistema depressionario sopra l’Europa occidentale poi l’aria fredda affonderà fin sul Marocco attivando una nuova risposta di correnti meridionali calde dall’entroterra algerino verso il bacino centrale del mar Mediterraneo e l’Italia. Avremo quindi una nuova ondata di caldo, più intensa dell’ultima tra domenica 9 e martedì 11 giugno, specie per le regioni peninsulari. Le giornate più calde, con valori massimi compresi tra 33°C e 38°C ma punte anche di 40°C sul centro sud Italia, saranno venerdì 14 e sabato 15 giugno, poi pian piano il caldo si attenuerà, probabilmente entro lunedì 17 giugno circa 5°C in meno rispetto ai massimi. Anche lunedì 17 giugno il calo termico sarà attribuibile ad un cambio di correnti, da meridionali ad occidentali, nessuna perturbazione significativa, eventuali precipitazioni, locali rovesci o temporali sulle Alpi ed isolati in Appennino, saranno dovute ad attività termoconvettiva pomeridiana.
Sull’Umbria la costante, da oggi mercoledì 12 a lunedì 17 giugno, sarà il sole, solo temporaneamente offuscato dal passaggio di qualche velatura o stratificazione nuvolosa, specie durante la fase di massima intensità delle correnti meridionali tra venerdì 14 e sabato 15 giugno. La giornata più calda sarà probabilmente quella di venerdì 14 giugno quando a Terni potremo registrare se non superare temperature intorno ai 38°C, 36°C sul folignate, 35°C nel fondovalle perugino e 34°C a Città di Castello. Poi nel fine settimana calo termico ma apprezzabile soprattutto a partire da domenica 16 giugno, umidità non elevatissima ma ben presente, venti deboli o temporaneamente moderati durante le ore centrali del giorno, provenienti dai quadranti meridionali.
Da martedì 18 giugno poi, avremo ancora una circolazione prevalentemente anticiclonica sul bacino centrale del mar Mediterraneo ma con valori barici sopra l’Italia non elevati, sia in quota che al suolo, ciò garantirà ancora una serie di giornate prevalentemente soleggiate con temperature calde estive, spesso sopra i 30°C, ma anche una maggiore attività termoconvettiva pomeridiana, quindi un poco più elevate le possibilità di assistere a qualche locale, breve rovescio o temporale pomeridiano, specie lungo l’Appennino ed a ridosso dei rilievi montuosi. Attualmente i modelli meteorologici non ipotizzano un qualsiasi transito sull’Italia di una perturbazione organizzata fino almeno a domenica 23 giugno, vedremo nei prossimi aggiornamenti.

La grafica qui in alto mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) e quella in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per il tardo pomeriggio di venerdì 14 giugno 2019.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
22/07/2019
 
NEWS
 
TORNANO I TEMPORALI CON LIEVE CALO TERMICO MA TEMPERATURE ANCORA SOPRA MEDIA ALMENO FINO A FINE AGOSTO
21/08 [ore 9.99 ]
FASE CALDA MENO INTENSA DELLE PRECEDENTI POI INSTABILITà ATMOSFERICA IN CRESCITA, IL CLIMA ESTIVO CONTINUA.
17/08 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
15/08 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011