Home | Chi Siamo | personal statement for graduate finance degree | http://www.umbriameteo.com/index.php/awy-homework-answers-free/ | http://www.umbriameteo.com/index.php/anti-bullying-campaign-proposal/
  Webcam Marketing | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

NEWS

Freddo, nubi, piogge e neve fino a quote basse, poi fine settimana più mite con un po’ di sole

(del 11/12/2019)

Il centro depressionario che, alimentato da aria fredda artica nord atlantica, è transitato sopra il centro nord Italia nella giornata di ieri martedì 10 dicembre, staziona ora sopra il mar Ionio, interessando ancora le regioni meridionali italiane dove produce molte nubi e precipitazioni sparse, al centro nord sono invece presenti correnti asciutte e moderatamente fredde nord orientali che garantiscono cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso. Nelle prossime ore il centro depressionario si allontanerà lentamente verso oriente portandosi sulla Grecia, avremo ancora nubi e residue, locali precipitazioni al sud, sereno o poco nuvoloso al centro, mentre assisteremo ad un aumento delle nubi, tra mattinata e pomeriggio, al nord, per l’arrivo di una nuova veloce perturbazione nord atlantica, precipitazioni sparse in serata, nevose fino a quote medio basse. Giovedì 12 dicembre la perturbazione lascerà il nord dove migliorerà con ritorno ad un cielo sereno o poco nuvoloso, ma interesserà in mattinata con molte nubi e precipitazioni sparse il centro dove poi migliorerà tra il pomeriggio e la sera quando invece peggiorerà al sud, nevicate sull’Appennino centrale fino a quote medio basse, più elevate al sud. Venerdì 13 dicembre nuova e più intensa perturbazione in transito sull’Italia, molte nubi e piogge soprattutto sui settori tirrenici e Triveneto, quota neve in aumento. Generale miglioramento atmosferico sabato 14 dicembre con residue, locali precipitazioni sui settori ionici, sereno o poche nubi sul resto d’Italia. Temperature in calo, temporaneamente su valori poco inferiori alle medie del periodo. Venti deboli o moderati provenienti inizialmente dai quadranti nord orientali, poi dai quadranti occidentali da giovedì 12 dicembre, in temporanea intensificazione.
Sull’Umbria sereno o poco nuvoloso fino a stasera, poi nuvolosità in aumento da nord ovest con prime precipitazioni sul nord ed ovest della regione solo in tarda nottata. Qui però c’è d’aprire una parentesi sulla tipologia di precipitazioni. La colonna d’aria in teoria avrà temperature certamente favorevoli alle nevicate sopra i 700/800 metri di quota, più in basso però è atteso un rapido raffreddamento, dopo il calar del sole, tra il pomeriggio e la serata odierna, quando sarà sereno e senza ventilazione, condizioni ideali per la perdita di calore da parte del terreno e per il fenomeno dell’inversione termica. Nelle aree quindi dove il raffreddamento sarà maggiore ed al momento dell’inizio delle precipitazioni le temperature saranno ancora inferiori a 0°/1°C, in quel tratto di colonna d’aria tra i 250/300 ed i 700/800 metri di quota, potremo veder scendere qualche fiocco di neve anche sul fondovalle. Le aree più a rischio saranno le conche appenniniche più chiuse ad iniziare dalla Valnerina, poi l’eugubino gualdese e l’Altotevere, molto più basse le possibilità più ad ovest. Saranno comunque precipitazioni generalmente deboli o temporaneamente moderate, intermittenti, quindi nulla di significativo. Le precipitazioni, a carattere locale, andranno avanti per l’intera mattinata e fino a metà pomeriggio di giovedì 12 dicembre ma con quota neve in rialzo fin sui 600/700 metri di quota almeno, poi nuovi rasserenamenti avanzeranno velocemente da ovest annunciando una nuova nottata serena e fredda tra giovedì 12 e venerdì 13 dicembre. Durante la primissima mattinata seguente, quella di venerdì 13 dicembre, assisteremo ad un nuovo rapido aumento della nuvolosità con intensificazione della ventilazione, stavolta meridionale, che favorirà anche un rapido aumento delle temperature. Tra la mattinata e la serata molte nubi e frequenti precipitazioni, più abbondanti sull’Umbria centro meridionale, quota neve in iniziare rapido rialzo fin sopra i 1400 metri, di nuovo in calo tra il pomeriggio e la serata fin sui 700/1000 metri di quota. Migliora con rasserenamenti in tarda serata. Sabato 14 dicembre giornata sostanzialmente soleggiata con temperature massime in aumento, venti deboli occidentali.
Da domenica 15 fino almeno a martedì 17 dicembre circolazione anticiclonica afro mediterranea sull’Italia ma con correnti umide meridionali che produrranno nuvolaglia e limiteranno speso il soleggiamento anche in Umbria, poi probabile perturbazione atlantica che sfilerà tra Sardegna e Sicilia interessando quasi esclusivamente le due isole maggiori, le coste tirreniche ed il sud.
La grafica dell’immagine satellitare qui a fianco, riferita alle ore 12.10 odierne, mostrale tre perturbazioni che interesseranno l’Italia durante questa settimana, la prima oramai in spostamento sulla Grecia, la seconda a ridosso delle Alpi occidentali e la terza in aperto oceano Nord Atlantico.

Tre perturbazioni in veloce transito nei prossimi cinque giorni, due fredde ed una più calda, possibili sorprese

(del 09/12/2019)

Nei prossimi giorni la corrente a getto in uscita dal Nord America che guida verso l’Europa i sistemi depressionario nord atlantici, tenderà ad ondularsi in maniera più evidente favorendo una maggiore risalita verso nord dell’anticiclone atlantico e contemporaneamente un affondo più meridionale degl’impulsi perturbati a carattere freddo provenienti da Islanda e Scozia. Uno di questi rapidi fronti freddi in discesa dal mar del Nord ha raggiunto la scorsa notte il nord Italia, nelle prossime ore attraverserà tutte le regioni italiane, da nord ovest verso sud est, seguita da un impulso di aria fredda artica nord atlantica. Quest’ultimo favorirà la formazione di un centro depressionario sopra l’Italia centro settentrionale, anch’esso in rapido movimento verso sud est, ma che si tratterrà per qualche ora in più sopra le regioni meridionali italiane nella giornata di martedì 10 dicembre. Avremo quindi molte nubi con qualche pioggia al mattino sulle regioni settentrionali, nel pomeriggio sulle centrali mentre migliorerà al nord, Toscana ed Umbria, in serata peggiora sul sud Italia mentre migliorerà sul resto del centro. Martedì 10 dicembre poi, ancora molte nubi e qualche pioggia sul centro adriatico, neve sull’Appennino centrale fin sui 900/1000 metri di quota, sereno o poco nuvoloso sul centro tirrenico ed al nord con correnti moderatamente fredde nord orientali. Mercoledì 11 dicembre centro depressionario in allontanamento verso sud est, migliora al sud, sereno o poco nuvoloso al centro, nubi in aumento in serata al nord per l’arrivo di una nuova veloce perturbazione nord atlantica, con precipitazioni sparse, nevose fino a quote medio basse su Triveneto ed Appennino settentrionale. Giovedì 12 dicembre la perturbazione lascerà il nord dove migliorerà ma interesserà con molte nubi e precipitazioni sparse il centro in mattinata ed il sud nel pomeriggio, nevicate sull’Appennino centrale fino a quote medio basse, più elevate al sud. Rasserenamenti in mattinata al nord, nel pomeriggio al centro e dalla serata ala sud. Temperature in calo, temporaneamente su valori poco inferiori alle medie del periodo.
Sull’Umbria molte nubi e qualche locale pioggia oggi tra la mattinata ed il pomeriggio, già comunque da metà pomeriggio sono attese schiarite e successivi rasserenamenti da nord ovest. Quota neve inizialmente elevata, oltre i 2000 metri, nel tardo pomeriggio scenderà fin sui 1400 metri con l’entrata di aria fredda. Prossima nottata relativamente fredda, con poche nubi e venti deboli inizialmente sud occidentali poi settentrionali. Domani martedì 10 dicembre correnti fredde nord orientali e nuvolosità in aumento da nord est, con addensamenti e locali precipitazioni in Appennino, neve fin sui 900 metri di quota. Nel pomeriggio migliora con venti di tramontana moderati o forti, in serata sereno o poco nuvoloso, venti in attenuazione durante le ore notturne. Mercoledì 11 dicembre giornata che inizierà con il sereno e gelate nelle valli, venti deboli o moderati nord orientali, nel pomeriggio ancora sereno o poco nuvoloso con venti deboli nord orientali, la sera farà freddo con temperature che caleranno veloci verso gli 0°C, discesa poi rallentata da nuvolosità in arrivo da nord ovest. Durante la notte tra mercoledì 11 e giovedì 12 dicembre nubi in ulteriore, deciso aumento con precipitazioni sparse in arrivo da nord ovest, venti scarsi e quota neve tra i 600 ed i 900 metri ma localmente, dove il raffreddamento tra pomeriggio e sera precedente risulterà più consistente, i fiocchi di neve potranno scender anche a quote inferiori, specie lungo l’Appennino. Qualche sfiocchettata è quindi attesa a Norcia ma possibile fin sul fondovalle nell’eugubino gualdese ed in Altotevere, nulla comunque di consistente. Migliora nella mattinata di giovedì 12 dicembre con ampi rasserenamenti in rapido avanzamento da nord ovest, venti deboli nord occidentali. Temperature temporaneamente su valori poco sotto alle medie del periodo.
Venerdì 13 dicembre terza ed ultima perturbazione nord atlantica della settimana in arrivo sull’Italia, stavolta accompagnata da venti più miti sud occidentali con molte nubi e piogge sparse da nord a sud, quota neve in risalita al centro fin sui 1300/1500 metri di quota almeno, ancora a quote medio basse al nord. Fine settimana con pressione atmosferica in aumento, prevalenza di sole e temperature in risalita. Probabile inizio di una fase anticiclonica subtropicale della durata di alcuni giorni, forse una settimana, con qualche dubbio per una perturbazione tra il 18 ed il 19 dicembre.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro atlantico mediterranei per la prima mattinata di giovedì 12 dicembre 2019.

Fine settimana con correnti umide sud occidentali, alternanza tra sole, nebbie, nubi ma senza precipitazioni

(del 05/12/2019)

Le piogge non cessano del tutto ma nei prossimi giorni sicuramente diminuiranno sia in quantità che in frequenza, questo probabilmente fino almeno a metà della prossima settimana. Il giorno più ad alto rischio pioggia, specie per il centro Italia, sarà la giornata di domani venerdì 6 dicembre quando una blanda circolazione depressionaria secondaria, in distacco da una più ampia circolazione depressionaria stazionante sopra l’Algeria ed il Marocco, dopo essere risalita verso le isole Baleari di sposterà lentamente verso nord est portandosi prima sopra la Corsica poi sopra il nord Italia. Entro le ore centrali della giornata di domenica 8 dicembre comunque, tenderà definitivamente ad esaurirsi, anche se persisteranno delle deboli/moderate correnti umide sud occidentali alimentate da una vasta circolazione depressionaria nord atlantica con centro in transito tra Inghilterra e Scandinavia.
Sull’Umbria nuvolosità in lento aumento nella giornata odierna ma senza precipitazioni significative almeno fino alla prossima notte, anzi a tratti sarà presente il sole con venti orientali in attenuazione e clima quindi sostanzialmente mite. Domani venerdì 6 dicembre nuvolosità in deciso aumento con qualche isolata pioggia da ovest possibile già in mattinata, le precipitazioni diverranno un po’ più frequenti nel pomeriggio per poi attenuarsi in serata e cessare durante le ore notturne seguenti, venti deboli meridionali, temperature minime in aumento e massime in calo. Sabato 7 dicembre giornata che inizierà con ventilazione assente o scarsa sud occidentali, le correnti umide saranno comunque in grado di produrre nebbie a primo mattino e banchi di nubi basse, specie sui settori occidentali e settentrionali della regione. Dalla tarda mattinata dissolvimento delle nebbie e nuvolosità in diminuzione, nel pomeriggio poco nuvoloso o nuvoloso con nubi più presenti a ridosso degli Appennini, temperature senza variazioni di rilievi, venti deboli sud occidentali con rinforzi in Appennino. Nebbie e banchi di nubi basse aumenteranno dalla sera e soprattutto durante la notte successiva tant’è che domenica mattina ci sveglieremo ancora con nebbie nelle valli e banchi di nubi basse soprattutto sull’Umbria centro settentrionale. Tra tarda mattinata e pomeriggio dissolvimento delle nebbie e nubi in calo che si concentreranno in appennino e sul nord della regione, dal tardo pomeriggio poi nuvolosità stratificata o comunque poco consistente in aumento da nord. Temperature senza variazioni di rilievo, venti ancora deboli sud occidentali con rinforzi in Appennino
Lunedì 9 dicembre un veloce fronte nord atlantico sfiorerà l’Italia investendo l’area dei Balcani, comunque sia, inizialmente, assisteremo ad una lieve intensificazione delle correnti umide sud occidentali con nubi in aumento e qualche pioviggine sulle regioni tirreniche, durante la fase post frontale, con correnti settentrionali, nubi e precipitazioni si concentreranno sui versanti nord delle Alpi, nevose fino a quote basse, ed in maniera minore lungo le regioni adriatiche ed al sud. Martedì 10 dicembre la perturbazione si allontanerà verso oriente, la pressione aumenterà moderatamente sull’Italia con ritorno ad un cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso. Mercoledì 11 dicembre nuova intensificazione delle correnti miti ed umide prefrontali sud occidentali che preannunceranno il probabile arrivo sull’Italia di una moderata perturbazione tra giovedì 12 e venerdì 13 dicembre. Temperature generalmente poco superiori alle medie del periodo.
La grafica qui a fianco mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sui settori euro mediterranei per la giornata di martedì 10 dicembre 2019.

[ARCHIVIO NEWS]

 

EDITORIALE
 
31/10/2019
 
NEWS
 
FREDDO, NUBI, PIOGGE E NEVE FINO A QUOTE BASSE, POI FINE SETTIMANA PIù MITE CON UN PO’ DI SOLE
11/12 [ore 9.99 ]
TRE PERTURBAZIONI IN VELOCE TRANSITO NEI PROSSIMI CINQUE GIORNI, DUE FREDDE ED UNA PIù CALDA, POSSIBILI SORPRESE
09/12 [ore 9.99 ]
FINE SETTIMANA CON CORRENTI UMIDE SUD OCCIDENTALI, ALTERNANZA TRA SOLE, NEBBIE, NUBI MA SENZA PRECIPITAZIONI
05/12 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011